Regione Umbria
LEGGE REGIONALE n. 18 del 16 Aprile 1976
Bilancio di previsione per l' esercizio finanziario 1976.
Pubblicazione: Bollettino Ufficiale n. 16 del 21/04/1976


Art. 1

1. E' autorizzato l' accertamento e la riscossione, secondo le leggi in vigore, delle imposte e delle tasse di ogni specie e il versamento nelle casse della Regione delle somme e dei proventi dovuti per l' anno finanziario 1976, giusta l' annesso stato di previsione dell' ENTRATA (Tabella A) di lire 111.008.483.000.

Art. 2

1. E' approvato in lire 111.008.483.000 il totale generale della spesa della Regione per l' anno finanziario 1976, come dall' annesso stato di previsione della SPESA (Tabella B).

Art. 3

1. E' approvato il quadro generale riassuntivo del bilancio per l' anno finanziario 1976, annesso alla presente legge.

Art. 4

1. E' autorizzata, per l' anno finanziario 1976, la spesa di lire 30.000.000 iscritta al cap. 2330 per la riconferma delle borse di studio di cui all' art. 1, comma secondo, della legge regionale 22 ottobre 1973, n. 36 .

Art. 5

1. Sono autorizzate, per l' anno finanziario 1976, le seguenti spese di cui alla legge regionale 23 febbraio 1973, n. 12 :

a) lire 180.000.000 con iscrizione al cap. 2460 per provvedere al mantenimento degli inabili al lavoro, che si trovino nelle condizioni di cui all' art. 154 del TU delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773, ivi compresi gli oneri di carattere organizzativo;

b) lire 250.000.000 con iscrizione al cap. 2470 a titolo di concorso nelle spese per il mantenimento dei minori, degli inabili al lavoro e degli anziani che si trovino in stato di indigenza, sostenute dai Comuni della regione, singoli o associati.

Art. 6

1. Il contributo regionale per l' anno 1976 all' Ente di sviluppo in Umbria, in attuazione della legge regionale 24 aprile 1975, n. 24 , è determinato in lire 2.488 milioni, pari alla prevista quota di spettanza della Regione dell' Umbria sui contributi speciali di cui all' art. 15 del decreto - legge 13 agosto 1975, n. 376 , convertito con modificazioni nella legge 16 ottobre 1975, n. 492 .

Art. 7

1. In osservanza a quanto prescritto dall' art. 41 del RD 18 novembre 1923, n. 2440, sulla contabilità generale dello Stato, il Presidente della Giunta regionale è autorizzato, su parere conforme della Giunta medesima:

1) - a iscrivere, con proprio decreto, nella parte passiva del bilancio le somme occorrenti per restituire tributi indebitamente percetti e per integrare le assegnazioni relative a indennità , stipendi, pensioni ed altri assegni fissi, tassativamente autorizzati e regolati per legge;

2) - a iscrivere, con proprio decreto, nella parte passiva del bilancio, e in corrispondenza con gli accertamenti dell' ENTRATA, le somme occorrenti per la restituzione di somme avute in deposito o per il pagamento di quote di entrata devolute ad Enti e Istituti o di somme comunque percette per conto di terzi.

2. I capitoli della parte passiva del bilancio a favore dei quali è data facoltà al Presidente della Giunta regionale di iscrivere somme ai sensi dei numeri 1 e 2 del precedente comma, sono quelli descritti negli elenchi numeri 2 e 3 annessi alla Tabella B - SPESA, del bilancio approvato con la presente legge.

3. Il Presidente della Giunta regionale è inoltre autorizzato a iscrivere - con proprio decreto su parere della Giunta regionale - ai vari capitoli di bilancio o a capitoli nuovi, della parte passiva, in corrispondenza ad accertamenti di entrate, le somme occorrenti per l' attuazione di leggi speciali dello Stato e per l' espletamento di funzioni delegate dallo Stato.

4. Il Presidente della Giunta regionale è inoltre autorizzato a istituire nuovi capitoli nello stato di previsione dell' ENTRATA in corrispondenza all' accertamento di nuovi cespiti e proventi non previsti nel bilancio.

Art. 8

1. Sono considerate spese obbligatorie e d' ordine, agli effetti di cui all' art. 40 del RD 18 novembre 1923, n. 2440, sulla contabilità  generale dello Stato, quelle descritte nell' elenco n. 1 allegato alla Tabella B - SPESA.

2. Il Presidente della Giunta regionale è autorizzato a disporre, con proprio decreto su conforme parere della Giunta medesima, il prelevamento di somme dal fondo di riserva per le spese obbligatorie e d' ordine e la loro iscrizione nella parte passiva del bilancio ai capitoli indicati nel primo comma del presente articolo.

Art. 9

1. In osservanza dell' art. 42 del RD 18 novembre 1923, n. 2440, sulla contabilità generale dello Stato e dell' art. 136 del relativo Regolamento approvato con RD 23 maggio 1924, n. 827, il Presidente della Giunta regionale è autorizzato a prelevare - su conforme parere della Giunta regionale - con proprio decreto da sottoporre a convalidazione da parte del Consiglio regionale - somme dal "Fondo di riserva per le spese impreviste", cap. 3120, e di iscriverle ai vari capitoli di bilancio o a capitoli nuovi.

Art. 10

1. Il Presidente della Giunta regionale è autorizzato a provvedere, con proprio decreto, su parere conforme della Giunta regionale, alle variazioni di bilancio occorrenti per l' applicazione delle disposizioni delle leggi sostanziali pubblicate successivamente alla presentazione al Consiglio del bilancio di previsione e che precisino l' entità  della spesa e la denominazione dei capitoli.


La presente legge regionale è dichiarata urgente ed entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione.


ALLEGATI:

ALLEGATO 1: (Tabella Ristrutturata) Quadro generale riassuntivo del bilancio della Regione Umbria per l' anno finanziario 1976. PARTE ENTRATA
 
TITOLO I - ENTRATE TRIBUTARIE, il totale di L. 3.571.000.000 è così ripartito: //
 
- Imposte, L. 328.000.000; //
 
- Tasse, L. 3.139.000.000; //
 
- Proventi per trasgressioni, L. 104.000.000.
 
TITOLO II - ENTRATE PER DEVOLUZIONE GETTITO O QUOTE DI TRIBUTI ERARIALI, il totale di L. 18.500.000.000 è così ripartito: //
 
- Partecipazione al gettito di imposte erariali, L. 18.500.000.000.
 
TITOLO III - ENTRATE EXTRATRIBUTARIE, il totale di L. 3.559.450.000 è così ripartito: //
 
- Contributi e trasferimenti di fondi dal bilancio statale, L. 1.844.000.000; //
 
- Proventi e rimborsi vari, L. 1.589.050.000; //
 
- Proventi dei beni della Regione, L. 76.400.000; //
 
- Partite che si compensano con la spesa, L. 50.000.000.
 
TOTALE DEI TITOLI I, II, III, entrata, L. 25.630.450.000; //
 
Totale spese correnti, L. 18.001.674.115; //
 
Differenza, L. 7.628.775.885.
 
TITOLO IV - ALIENAZIONE E AMMORTAMENTO DI BENI PATRIMONIALI, TRASFERIMENTO DI CAPITALI E RIMBORSO DI CREDITI, il totale di L. 27.990.231.000 è così ripartito: //
 
- Alienazione di beni patrimoniali, L. 0; //
 
- Ammortamento di beni patrimoniali, L. 100.000.000; //
 
- Trasferimento di capitali, L. 27.890.231.000; //
 
- Rimborso di crediti, L. 0.
 
TITOLO V - ENTRATE PROVENIENTI DALLA ASSUNZIONE DI PRESTITI E DI ANTICIPAZIONI ED OGNI ALTRA OPERAZIONE DI CREDITO, il totale di L. 6.973.000.000 è così ripartito: //
 
- Accensioni di prestiti, L. 6.973.000.000; //
 
- Anticipazioni, L. 0.
 
TOTALE DEI TITOLI I, II, III, IV, V, entrata, L. 60.593.681.000.
 
TITOLO VI - CONTABILITA' SPECIALI, il totale di L. 50.414.802.000 è così ripartito: //
 
- Parte 1a - Partite di giro, L. 49.746.000.000; //
 
- Parte 2a - Entrate degli stabilimenti speciali, L. 0; //
 
- Parte 3a - Entrate per l' esercizio delle funzioni delegate dallo Stato, L. 668.802.000.
 
TOTALE COMPLESSIVO DELL' ENTRATA del bilancio della Regione Umbria per l'anno finanziario 1976, L. 111.008.483.000. PARTE SPESA
 
TITOLO I - SPESE CORRENTI, il totale di L. 18.001.674.115 è così ripartito: //
 
- Amministrazione generale, L. 8.461.100.000; //
 
- Azione e interventi in campo economico per agricoltura e foreste, L. 811.000.000; //
 
- Assetto del territorio, lavori pubblici di interesse regionale, L. 2.525.000.000; //
 
- Sanità , assistenza e servizi sociali, L. 4.463.150.000; //
 
- Turismo, acque minerali e termali, artigianato e commercio, L. 1.106.000.000; //
 
- Oneri non ripartibili, L. 635.424.115.
 
TITOLO II - SPESE IN CONTO CAPITALE, il totale di L. 39.900.231.000 è così ripartito: //
 
- Amministrazione generale, L. 610.000.000; //
 
- Azione e interventi in campo economico per agricoltura e foreste, L. 7.173.000.000; //
 
- Assetto del territorio e lavori pubblici di interesse regionale, L. 3.225.000.000; //
 
- Sanità , assistenza e servizi sociali, L. 5.620.000.000; //
 
- Turismo, acque minerali e termali, commercio e artigianato, L. 800.000.000; //
 
- Oneri non ripartibili, L. 22.472.231.000.
 
TITOLO III - SPESE PER RIMBORSI DI PRESTITI, DI ANTICIPAZIONI E DI ALTRA OPERAZIONE CREDITIZIA, il totale di L. 2.691.775.885 è così ripartito: //
 
- Oneri non ripartibili, L. 2.691.775.885.
 
TOTALE DEI TITOLI I, II, III, spesa, L. 60.593.681.000.
 
TITOLO IV - CONTABILITA' SPECIALI, il totale di L. 50.414.802.000 è così ripartito: //
 
- Parte 1a - Partite di giro, L. 49.746.000.000; //
 
- Parte 2a - Spese per stabilimenti speciali, L. 0; //
 
- Parte 3a - Spese per l' esercizio delle funzioni delegate dallo Stato, L. 668.802.000.
 
TOTALE COMPLESSIVO DELLA SPESA del bilancio della Regione Umbria per l' anno finanziario 1976, L. 111.008.483.000.