Atto abrogato

Regione Umbria
LEGGE REGIONALE n. 19 del 17 Aprile 1978 (1)
Modificazioni ad alcuni articoli del Tit. II, Capo II, della legge regionale 9 agosto 1973, n. 33 recante norme sulla costituzione del rapporto di impiego.
Pubblicazione: Bollettino Ufficiale n. 16 del 19/04/1978


ARTICOLO 1

1. Al terzo comma dell' art. 8, dopo le parole: " in relazione alla qualifica ", sono aggiunte le seguenti: " e alle mansioni ".

2. Nel quarto comma dell' art. 8, sono soppresse le parole: " e, per estratto nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica ".

3. Al quinto comma dell' art. 8 sono aggiunti i seguenti periodi:
 
" possono essere messi a concorso anche i posti che si rendano disponibili entro il 31 dicembre successivo, in ragione di collocamento a riposo d' ufficio. Le nomine a tali posti sono conferite al verificarsi delle singole vacanze, qualora il concorso venga espletato prima ".

4. Al sesto comma le parole: " un sesto " sono sostituite dalle seguenti: " un quarto ".

ARTICOLO 2

1. L' art. 9 è sostituito dal seguente:
 
" Art. 9. - Conferimento di posti disponibili agli idonei - Possono essere conferiti, oltre i posti messi a concorso, anche quelli che risultino disponibili entro sei mesi dalla data di approvazione della graduatoria utilizzando, secondo l' ordine, la graduatoria medesima.
 
Nel caso che alcuni dei posti messi a concorso restino scoperti per rinuncia, decadenza o dimissioni dei vincitori, la Giunta regionale ha facoltà di procedere nel termine di due anni dalla data di approvazione della graduatoria ad altrettante nomine secondo l' ordine della graduatoria medesima
".

ARTICOLO 3

1. L' art. 10 è sostituito dal seguente:
 
" Art. 10. - Assunzioni obbligatorie, riserve di posto, precedenze e preferenze. -
 
Si applicano le norme vigenti sulle assunzioni obbligatorie, sulle riserve di posto, sulle precedenze e preferenze.
 
Per la copertura dei posti della prima, seconda e terza qualifica funzionale riservati a soggetti aventi diritto ad assunzione obbligatoria secondo la ripartizione per categoria stabilita nell' art. 9 della legge 2 aprile 1968, n. 482 , si provvede mediante procedimenti selettivi riservati alle singole categorie protette, secondo modalità stabilite dal Regolamento di esecuzione di cui al terzo comma dell' art. 8.
 
Per il conferimento dei posti disponibili ai soggetti indicati nel comma precedente si applicano le norme di cui all' art. 9 della presente legge e quelle di cui all' ultimo comma dell' art. 9 della legge 2 aprile 1968, n. 482
".

ARTICOLO 4

1. L' art. 11 è sostituito dal seguente:
 
" Art. 11. - Costituiscono requisiti generali di ammissione al concorso:
 
a) la cittadinanza italiana;
 
b) l' età non inferiore agli anni 18 e non superiore ai 32;
 
c) l' idoneità fisica all' impiego;
 
d) il possesso dei diritti civili e politici.
 
Per i concorsi ai posti di quinta e sesta qualifica funzionale il limite massimo di età è stabilito in 45 anni.
 
I predetti limiti di età non si applicano per gli impiegati di ruolo in servizio presso le Amministrazioni dello Stato, delle Regioni, delle Province, dei Comuni, dei loro Consorzi e delle altre Amministrazioni pubbliche.
 
Sono fatte salve le eccezioni stabilite da leggi vigenti per particolari categorie di cittadini.
 
I requisiti prescritti devono essere posseduti alla data di scadenza del termine stabilito nel bando di concorso per la presentazione della domanda
".

ARTICOLO 5

1. L' art. 12 è sostituito dal seguente:
 
" Art. 12 - Ammissione ed esclusione dal concorso -
 
L' ammissione e l' esclusione dal concorso sono disposte dalla Giunta regionale.
 
L' esclusione dal concorso è disposta con atto motivato soltanto per difetto dei requisiti prescritti, da notificare agli interessati a mezzo di messo comunale oppure con lettera raccomandata entro 15 giorni dall' adozione del provvedimento.
 
Nel caso di presentazione da parte del candidato di domanda o documentazione irregolare, il Presidente della Giunta regionale invita l' interessato a regolarizzarla nel termine massimo di quindici giorni dalla data di ricevimento dell' invito
".

ARTICOLO 6

1. Nell' art. 13 le parole " , a fianco delle singole qualifiche, nell' allegata tabella " A" " sono sostituite dalle seguenti: " nella tabella C), allegata alla legge regionale 23 maggio 1975, n. 34 , relativa all'ordinamento degli uffici regionali ".

ARTICOLO 7

1. L' art. 14 è sostituito dal seguente:
 
" Art. 14 - Concorso per titoli ed esami. -
 
Il concorso è per titoli ed esami.
 
Gli esami consistono in prove scritte, esercitazioni pratiche, prove attitudinali, prove orali o colloqui, secondo quanto stabilito dal Regolamento di cui al terzo comma del precedente articolo 8.
 
Per i concorsi ai posti di prima e seconda qualifica funzionale la valutazione comparativa dei candidati si effettua a parità di merito dopo la prova attitudinale ed il colloquio anche sulla base di titoli relativi al carico familiare, allo stato di occupazione risultante anche dalla iscrizione nelle liste di collocamento del candidato nonchè allo stato di occupazione del nucleo familiare.
 
Il Regolamento di esecuzione di cui al terzo comma dell' art. 8 stabilisce i punteggi da attribuire alle singole prove e ai titoli, nonchè i criteri per la determinazione del voto finale
".

ARTICOLO 8

1. L' ultimo comma dell' art. 17, è sostituito dai seguenti:
 
" La graduatoria è pubblicata, dopo l' approvazione, nel Bollettino Ufficiale della Regione.
 
Dalla data della pubblicazione decorre il termine per eventuali impugnative
".


La presente legge è dichiarata urgente, ai sensi dell' art. 127, secondo comma, della Costituzione e dell'art. 65 dello Statuto ed entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione.

Note della redazione

(1)  - 

Abrogata dalla L.R. 15 novembre 1999, n. 30, art. 2, comma 1, lett. h)