Atto abrogato

Regione Umbria
LEGGE REGIONALE n. 11 del 8 Marzo 1982 (1)
Interventi straordinari a favore di cooperative edilizie.
Pubblicazione: Bollettino Ufficiale n. 16 del 17/03/1982


ARTICOLO 1

1. La Regione finanzia interventi straordinari a favore di Cooperative edilizie che costruiscono alloggi per i propri soci, ricorrendo a mutui agevolati col contributo dello Stato o della Regione d'importo inferiore al 60 per cento del costo di intervento. A tal fine è disposta la concessione di contributi in annualità sui mutui ordinari aggiuntivi che le stesse cooperative hanno contratto o intendono contrarre con Istituti di credito a ciò abilitati. Il contributo è concesso sui mutui aggiuntivi fino al raggiungimento del predetto limite del 60 per cento.

2. Il finanziamento straordinario è destinato a favorire il completamento di interventi di particolare rilevanza economica e sociale, in riferimento all'ambito territoriale ove si eseguono con priorità per quelli che prevedono la costruzione contemporanea di almeno 50 alloggi ed i cui lavori siano già iniziati alla data di entrata in vigore della presente legge.

3. Nella assegnazione delle provvidenze si terrà inoltre conto del reddito medio dei soci di ciascuna cooperativa, favorendo i redditi minori, nonchè della tipologia degli alloggi.

ARTICOLO 2

1. Il contributo regionale è stabilito nella misura del 7,50 per cento del mutuo ordinario aggiuntivo per i primi 5 anni e del 5,50 per cento per i successivi 5 anni.

2. Il costo dell'intervento, ai fini della presente legge, è quello risultante dalla documentazione di cui al successivo art. 3, accertato dai competenti uffici regionali.

3. Per gli interventi finanziati in applicazione della presente legge valgono le norme relative al finanziamento agevolato originario, fatta eccezione per l'accertamento del costo effettuato ai sensi del precedente comma.

ARTICOLO 3

1. Le cooperative devono presentare domanda per l'ammissione al contributo alla Giunta regionale entro 30 giorni dalla entrata in vigore della presente legge, indicando:

a) il costo totale, documentato, dell'intervento;

b) il mutuo originario integrativo richiesto ed i mutui agevolati già concessi;

c) l'Istituto di credito prescelto per la concessione del mutuo ordinario integrativo;

d) la consistenza dell'intervento in corso di costruzione con l'indicazione del numero degli alloggi e relativa tipologia.

2. Deve inoltre essere allegato alla domanda l'elenco dei soci con copia della dichiarazione dei redditi dell'anno precedente e l'atto costitutivo della Cooperativa.

3. L'individuazione delle cooperative ammissibili al contributo sarà effettuata dalla Giunta regionale entro i 30 giorni successivi alla scadenza del termine di cui al primo comma, tenendo conto delle priorità indicate all'art. 1, sentita la commissione consiliare competente.

ARTICOLO 4

1. L'erogazione in annualità del contributo è disposta dalla Giunta regionale direttamente a favore dell'Istituto di credito prescelto, attraverso apposita convenzione.

ARTICOLO 5

1. Per l'attuazione della presente legge è autorizzato il limite d'impegno di lire 150 milioni per l'anno 1982.

2. Le annualità relative agli esercizi dal 1982 al 1991 sono così determinate:
 
- lire 150 milioni per ciascuno degli anni dal 1982 al 1986;
 
- lire 110 milioni per ciascuno degli anni dal 1987 al 1991;
 
e saranno iscritte al cap. 7001 - di nuova istituzione nel bilancio regionale, denominato: " Contributi in conto interesse a favore di cooperative edilizie per la costruzione di alloggi da destinare ai propri soci" ( Tit. II - sez. 7 - rubr. 19 - cat. 3 - tipo 2.1 - sett. 26).

3. All'onere relativo all'anno 1982 si farà fronte con la disponibilità del fondo globale iscritto al cap. 9710 del relativo bilancio (Elenco n. 5 ad esso allegato).

4. La Giunta regionale è autorizzata ad apportare al bilancio dell'esercizio 1982 le conseguenti variazioni alle previsioni di competenza e di cassa a norma dell'art. 28, secondo comma, della legge regionale di contabilità 3 maggio 1978, n. 23.

5. La quota limite di impegno eventualmente non utilizzata nel 1982 costituirà economia di spesa di tale esercizio e limite d'impegno per gli esercizi successivi fino al suo esaurimento.In tal caso nei bilanci dal 1992 in poi saranno iscritti gli stanziamenti per far fronte alle annualità scadenti dopo detto anno.


Note della redazione

(1)  - 

Abrogata dalla L.R. 15 novembre 1999, n. 30, art. 6, comma 1, lett. l)