Atto abrogato

Regione Umbria
LEGGE REGIONALE n. 38 del 13 Agosto 1984 (1)
Funzionamento dei gruppi consiliari.
Pubblicazione: Bollettino Ufficiale n. 61 del 16/08/1984


ARTICOLO 1

Sede e mezzi

1. L'Ufficio di presidenza del Consiglio regionale assegna a ciascun gruppo costituito secondo quanto previsto dall'art. 40, secondo comma dello Statuto regionale ed in conformità del Regolamento interno, una sede proporzionata alla sua consistenza numerica.

2. L'allestimento e l'arredamento di tali sedi riservate ai gruppi consiliari, nonchè il riscaldamento, l'illuminazione e la pulizia sono a carico del bilancio del Consiglio regionale conformemente a quanto si provvede per gli altri uffici.

3. L'Ufficio di presidenza, inoltre, mette a disposizione dei gruppi, in relazione alla loro consistenza numerica, una o più macchine da scrivere ed uno o più telefoni interni collegati al centralino con possibilità di conversazioni limitatamente all'Umbria.

4. Per conversazioni fuori dal territorio regionale l'Ufficio di presidenza mette a disposizione un telefono diretto assumendosi l'onere del solo canone di noleggio.

ARTICOLO 2

Contributi

1. Per il funzionamento dei gruppi viene corrisposto un contributo fisso da erogarsi mensilmente con mandato intestato ai presidenti dei gruppi consiliari rappresentato:

a) da una quota di lire 800.000 per ciascun gruppo, quale ne sia la consistenza;

b) da una quota di lire 250.000 per ogni consigliere regionale iscritto al gruppo, oltre il primo.

ARTICOLO 3

Personale

1. I gruppi si avvalgono di segreterie di supporto tecnico - amministrativo, i cui organici non possono eccedere:
 
- due unità per i gruppi da uno a tre consiglieri;
 
- tre unità per i gruppi da quattro a sei consiglieri;
 
- quattro unità per i gruppi da sette a otto consiglieri;
 
- cinque unità per i gruppi da sette a otto consiglieri;
 
- sei unità per i gruppi di oltre dodici consiglieri.

2. I responsabili delle predette segreterie rivestono livello funzionale non superiore all'ottavo, il restante personale livello non superiore al sesto.

3. La dotazione organica delle segreterie dei gruppi, nei limiti di cui al primo comma, è determinato con deliberazioni dell'Ufficio di presidenza del Consiglio. Di tale dotazione si terrà conto nella determinazione delle dotazioni organiche degli uffici regionali di cui all'art. 58 della legge regionale sul " Nuovo ordinamento degli uffici regionali" approvata con deliberazione consiliare 17 luglio 1984, n. 1280.

4. Per quanto attiene all'assegnazione e alla revoca del personale alle predette segreterie, si applicano, in quanto compatibili, le norme di cui all'art. 55 della legge regionale sopra riportata.

5. Il contributo di cui all'art. 2 della presente legge è integrato, secondo quanto previsto all' art. 2 della legge regionale 24 novembre 1981, n. 76 .

ARTICOLO 4

Controlli

1. I presidenti dei gruppi consiliari sono tenuti a presentare annualmente all'Ufficio di presidenza entro il mese di febbraio una nota riepilogativa circa l'utilizzazione dei fondi erogati nell'anno precedente secondo uno schema di articolazione fissato nell'allegata tab. A) che forma parte integrante della presente legge.

2. L'Ufficio di presidenza allega tale nota al bilancio del Consiglio regionale.

3. Il mancato adempimento di tali prescrizioni determina la sospensione della corresponsione dei contributi di cui alla presente legge.

ARTICOLO 5

Norma abrogata

1. E'abrogata la legge regionale 21 febbraio 1973, n. 11 e successive modificazioni.

ARTICOLO 6

Oneri finanziari

1. Gli oneri conseguenti all'applicazione della presente legge gravano ai sensi della legge 6 dicembre 1973, n. 853 , sulle spese generali di funzionamento del Consiglio regionale.


Note della redazione

(1)  - 

Abrogata dalla L.R. 26 ottobre 1994, n. 34, art. 8