Date di vigenza

21/12/2017 entrata in vigore mostra documento vigente dal 21/12/2017
03/01/2019 modifica mostra documento vigente dal 03/01/2019

Documento vigente

Regione Umbria
Regolamento regionale 4 dicembre 2017 ,n. 7.
Disciplina in materia di servizi residenziali per minorenni. La Giunta regionale ha approvato.
Pubblicazione: Bollettino Ufficiale n. 53, S.o. n. 1 del 06/12/2017
Regione Umbria

La Commissione consiliare competente ha espresso il parere previsto dall' articolo 39, comma 1 dello Statuto regionale . La Presidente della Giunta Regionale emana il seguente regolamento:

TITOLO I

PRINCIPI GENERALI

Art. 1

(Oggetto)

1. Il presente regolamento, in attuazione degli articoli 344 e 358 della legge regionale 9 aprile 2015, n. 11 (Testo unico in materia di Sanità e Servizi sociali), nel rispetto dei principi di non discriminazione, tutela del superiore interesse del minorenne e uguaglianza dei diritti, disciplina i requisiti e le modalità per il rilascio dell'autorizzazione al funzionamento dei servizi socio-assistenziali a carattere residenziale e semiresidenziale diretti a soggetti in età minore e individua i servizi per i quali è necessario il rilascio dell'autorizzazione stessa.

2. Il presente regolamento definisce, altresì, i requisiti relativi all'assistenza sociosanitaria semiresidenziale e residenziale ai minorenni con disturbi in ambito neuropsichiatrico, tenuto conto della normativa vigente, fatte salve le modalità e i termini per la richiesta e il rilascio dell'autorizzazione alla realizzazione di strutture sociosanitarie e all'esercizio di attività sociosanitarie, definite con le norme regolamentari di cui all' articolo 117 della l.r. 11/2015 .

3. Ai fini del presente regolamento, i servizi di cui ai commi 1 e 2 sono denominati servizi residenziali per minorenni, i servizi di cui al comma 1 sono denominati servizi residenziali socio-educativi per minorenni e i servizi di cui al comma 2 sono denominati servizi residenziali sociosanitari per minorenni.

Art. 2

(Funzioni dei servizi residenziali per minorenni)

1. I servizi residenziali per minorenni devono garantire:

a) rispetto dei diritti del minore e della sua dignità;

b) eguaglianza, a parità di bisogni, dell'intervento educativo, sociale e sanitario;

c) adeguatezza dell'intervento alle esigenze affettive, familiari, relazionali, educative, sociali, psicologiche e cliniche;

d) qualificazione e appropriatezza delle prestazioni;

e) professionalità dell'intervento.

2. I servizi residenziali per minorenni rispondono ai bisogni di benessere, socialità, sviluppo e crescita del minorenne e assicurano tutela, protezione, cura, accudimento e supporto.

3. I servizi residenziali per minorenni sono caratterizzati da una dimensione di vita di tipo familiare, integrano o sostituiscono temporaneamente le funzioni genitoriali e familiari compromesse e offrono un ambiente finalizzato:

a) al recupero, potenziamento e acquisizione di risorse, competenze e capacità individuali allo scopo di favorire il processo di crescita e di integrazione sociale;

b) alla costruzione di relazioni positive con adulti e coetanei, anche in riferimento al contrasto dei fenomeni del bullismo e del cyberbullismo;

c) alla costruzione o ricostruzione di rapporti familiari;

d) all'inserimento in contesti socializzanti, formativi e lavorativi;

e) allo sviluppo di percorsi di vita autonomi e responsabili, anche in riferimento a comportamenti a rischio relativi al consumo di sostanze psicoattive, alle dipendenze e ai disturbi del comportamento alimentare;

f) alla promozione del benessere bio-psico-sociale.

4. I servizi residenziali per minorenni collaborano con il sistema dei servizi sociali, educativi, scolastici, formativi, sanitari e con l'autorità giudiziaria, contribuendo a favorire azioni e interventi integrati con gli stessi, secondo una metodologia di rete e nella ottica della appropriatezza e della gradualità degli interventi sul minore.

5. I servizi residenziali per minorenni tengono conto della programmazione regionale e territoriale in ambito sociale e sanitario.

TITOLO II

INSERIMENTO E PERMANENZA NEI SERVIZI RESIDENZIALI PER MINORENNI

Art. 3

(Destinatari dei servizi residenziali per minorenni)

1. I servizi residenziali per minorenni sono destinati:

a) ai minorenni temporaneamente privi di un ambiente familiare idoneo, ai sensi della legge 4 maggio 1983, n. 184 (Diritto del minore ad una famiglia);

b) ai minorenni abbandonati o negli altri casi di cui all' articolo 403 del codice civile ;

c) ai minorenni stranieri non accompagnati di cui all' articolo 2 della legge 7 aprile 2017, n. 47 (Disposizioni in materia di misure di protezione dei minori stranieri non accompagnati), non aventi cittadinanza italiana o dell'Unione europea che si trovano per qualsiasi causa nel territorio dello Stato o che sono altrimenti sottoposti alla giurisdizione italiana, privi di assistenza e di rappresentanza da parte dei genitori o di altri adulti per loro legalmente responsabili in base alla normativa vigente, nonché ai minorenni stranieri non accompagnati vittime di tratta e di grave sfruttamento ai sensi dell' articolo 18 del decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286 (Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione dello straniero);

d) ai minorenni provenienti dall'area penale nei casi di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 settembre 1988, n. 448 (Approvazione delle disposizioni sul processo penale a carico di imputati minorenni).

2. I servizi residenziali per minorenni possono essere, altresì, destinati:

a) ai minori di anni 21 nei casi di cui al regio decreto legge 20 luglio 1934, n. 1404 (Istituzione e funzionamento del tribunale per i minorenni), convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 27 maggio 1935, n. 835 ;

b) ai minori di anni 25 provenienti dall'area penale, che hanno commesso reati quando erano minori degli anni 18, ai sensi dell' articolo 3 del d.p.r. 448/1988 ;

c) agli adulti inseriti nei servizi residenziali di cui agli articoli 24 e 26.

Art. 4

(Inserimento dei minorenni nei servizi residenziali)

1. L'inserimento dei minorenni nei servizi residenziali ad essi dedicati è disposto dai servizi sociali o socio-sanitari competenti, di seguito denominati servizi invianti, su provvedimento dell'autorità giudiziaria, dalla pubblica autorità nei casi di cui all' articolo 403 del codice civile , nonché dal pubblico ministero nei casi di arresto o fermo di minorenni di cui all' articolo 18 del d.p.r. 448/1988 .

2. Ai fini dell'inserimento dei minorenni di cui al comma 1 , l'équipe multidisciplinare di cui all' articolo 5 , elabora il Piano di Trattamento Individualizzato (PTI) di cui al medesimo articolo 5 .

3. Il servizio inviante e il servizio residenziale per minorenni, entro dieci giorni dall'avvenuto inserimento di un minorenne non residente nel territorio regionale, ne trasmettono notizia alla zona sociale nel cui territorio è ubicato il servizio residenziale nel quale è avvenuto l'inserimento e allegano a tale comunicazione il nominativo e i contatti del case manager di cui all' articolo 5 , o analoga figura di riferimento, individuato dal servizio inviante.

4. Il servizio inviante e il servizio residenziale per minorenni, entro trenta giorni dall'avvenuto inserimento di un minorenne non residente nel territorio regionale, trasmettono alla zona sociale nel cui territorio è ubicato il servizio residenziale nel quale è avvenuto l'inserimento il PTI o documento equivalente avente le caratteristiche di cui all' articolo 5, comma 5 e il Programma Attuativo Individualizzato (PAI) di cui all' articolo 5, comma 6 .

5. La mancata comunicazione di cui ai commi 3 o 4 costituisce irregolarità e comporta l'applicazione delle disposizioni di cui all' articolo 38 .

Art. 5

(Equipe multidisciplinare, Piano di Trattamento individualizzato e Progetto attuativo individualizzato)

1. Il servizio inviante si avvale di una équipe multidisciplinare per la formulazione del PTI e la valutazione dell'attuazione dello stesso.

2. Presso ciascuna zona sociale, in accordo con il distretto sanitario corrispondente, è attivata, entro sei mesi dall'entrata in vigore del presente regolamento, una équipe multidisciplinare per la tutela dei minorenni con i compiti di formulare il PTI e valutarne l'attuazione. Le zone sociali possono stipulare intese tra loro per la gestione associata dell'équipe multidisciplinare.

3. L'équipe multidisciplinare di cui al comma 2 è composta dalle figure professionali dei servizi pubblici necessarie a garantire l'elaborazione del PTI, tra le quali devono essere ricompresi un assistente sociale, uno psicologo, un neuropsichiatra infantile, un educatore e, ove necessario, un mediatore interculturale.

4. Nell'ambito dell'équipe multidisciplinare, per ogni caso esaminato, è individuato e nominato il case manager con il compito di organizzare e coordinare le fasi della elaborazione, valutazione, verifica ed eventuale rivalutazione del PTI.

5. Il PTI è elaborato previa valutazione multidimensionale della situazione del minorenne, definisce gli obiettivi integrati educativi, sociali e sanitari, indica il percorso da seguire, ne fissa i tempi e le modalità e specifica, secondo criteri di appropriatezza, la tipologia di servizio residenziale nel quale si propone di inserire il minorenne. Il PTI è elaborato, se possibile, con il coinvolgimento della famiglia del minorenne, del minore che ha compiuto gli anni dodici e anche del minore di età inferiore, in considerazione della sua capacità di discernimento.

6. Il servizio residenziale individuato dai servizi invianti per l'accoglienza del minorenne elabora il Programma Attuativo Individualizzato (PAI), che è una proposta di attuazione del PTI, in relazione all'offerta declinata nella carta dei servizi sociali del servizio residenziale medesimo di cui all' articolo 12, comma 1, lettera a) e la trasmette, entro dieci giorni dal ricevimento della richiesta di inserimento, al servizio inviante il quale, tramite l'équipe multidisciplinare, ne valuta l'effettiva corrispondenza agli obiettivi e al percorso indicati nel PTI.

7. L'équipe multidisciplinare elabora, nel rispetto delle tempistiche stabilite dal PTI o comunque ogni sei mesi, nonché al termine del periodo di permanenza del minorenne, una relazione per verificare e valutare l'applicazione del PTI, comprensiva dell'illustrazione del percorso svolto in attuazione del PAI, e la trasmette al servizio inviante e al servizio residenziale in cui è inserito il minorenne. Con tale relazione può modificare o integrare il PTI anche per proporre al servizio inviante proroghe del periodo di permanenza del minorenne nei servizi residenziali.

8. Le aziende unità sanitarie locali di cui all' articolo 18 della l.r. 11/2015 e i distretti sanitari di cui all' articolo 38 della medesima l.r. 11/2015 operano in collaborazione con le corrispondenti zone sociali, per garantire la piena attuazione delle disposizioni di cui al presente regolamento.

Art. 6

(Permanenza nei servizi residenziali)

1. I minorenni permangono nei servizi residenziali per minorenni per il periodo previsto dal PTI, sulla base del provvedimento di inserimento, nel rispetto della normativa vigente.

2. Il minorenne, al compimento del diciottesimo anno d'età, può richiedere ai servizi invianti di prolungare la permanenza nel servizio residenziale per un periodo massimo di dodici mesi.

3. Il case manager può proporre, nel caso del raggiungimento del limite massimo di età previsto per il modulo 1 di cui all' articolo 22 , una modifica del PTI volta alla prosecuzione della permanenza del minorenne nello stesso modulo, sino ad un massimo di ulteriori dodici mesi.

Art. 7

(Inserimento di fratelli e sorelle nei servizi residenziali per minorenni)

1. Al fine di tutelare il rapporto fraterno, è consentito l'inserimento congiunto di fratelli e sorelle minorenni nello stesso servizio residenziale.

2. I fratelli e le sorelle possono essere anche di fascia di età diversa in relazione ai moduli del servizio.

3. Per permettere l'accoglienza di sorelle e fratelli possono essere accolti fino a due minorenni oltre i limiti massimi del numero di ospiti per ciascuna tipologia di servizio residenziale, compatibilmente con la capacità alloggiativa del servizio residenziale.

Art. 8

(Inserimento di minori stranieri non accompagnati nei servizi residenziali per minorenni)

1. Qualora, ai sensi dell' articolo 19 del decreto legislativo 18 agosto 2015, n. 142 (Attuazione della direttiva 2013/33/UE recante norme relative all'accoglienza dei richiedenti protezione internazionale, nonché della direttiva 2013/32/UE, recante procedure comuni ai fini del riconoscimento e della revoca dello status di protezione internazionale), siano accolti minori stranieri non accompagnati, le strutture di accoglienza devono soddisfare i requisiti dei servizi residenziali per minorenni ed essere autorizzate secondo le modalità di cui al presente regolamento.

2. I comuni e le zone sociali, ai sensi dell' articolo 19, comma 3 del d.lgs. 142/2015 , assicurano l'attività di accoglienza dei minori stranieri non accompagnati presso i servizi residenziali per minorenni di cui al presente regolamento.

3. Nei casi di cui ai commi 1 e 2, previa verifica da parte della zona sociale della effettiva capacità alloggiativa del servizio residenziale e fatto salvo quanto disposto dagli articoli 7 e 10, i limiti massimi di accoglienza dei minorenni presso i servizi residenziali socio-educativi di cui all' articolo 19 possono essere aumentati entro i limiti di seguito indicati:

a) comunità familiari o case famiglia di cui all' articolo 21 : invarianza del numero massimo di minorenni che possono essere accolti;

b) comunità educative di cui all' articolo 22 : sino a dodici minorenni;

c) comunità di pronta accoglienza di cui all' articolo 23 : sino a quindici minorenni;

d) gruppi appartamento di cui all' articolo 25 : sino a sei minorenni.

4. I servizi residenziali che accolgono minori stranieri non accompagnati, oltre ai requisiti di cui al presente regolamento, devono:

a) fornire un servizio di mediazione linguistica e culturale commisurato al numero di minori stranieri presenti che consenta anche l'esercizio del diritto all'ascolto;

b) fornire un servizio di orientamento all'apprendimento della lingua italiana;

c) supportare le autorità competenti al fine del completamento delle procedure volte alla identificazione e all'accertamento dell'età del minore straniero non accompagnato;

d) garantire informazione, orientamento e idoneo supporto legale al minore straniero non accompagnato in materia di tutela dei minori, immigrazione e asilo, anche al fine dell'eventuale individuazione dei familiari;

e) assicurare la realizzazione di interventi miranti a valutare il rischio che il minore sia vittima di tratta nonché portatore delle esigenze particolari di cui all' articolo 17 del d.lgs. 142/2015 ;

f) fornire al minore straniero non accompagnato alfabetizzato copia del regolamento di cui all' articolo 12, comma 1, lettera b) e del PAI tradotti in una lingua compresa dall'ospite.

5. Gli inserimenti di minori stranieri non accompagnati devono essere comunicati al Ministero dell'Interno e alla Prefettura territorialmente competente dal coordinatore responsabile di cui all' articolo 15 .

6. Il coordinatore responsabile di cui all' articolo 15 comunica mensilmente al Ministero dell'Interno in ordine alle attività svolte e alle criticità eventualmente emergenti.

Art. 9

(Inserimento di minorenni con disabilità nei servizi residenziali socio-educativi)

1. Qualora nei servizi residenziali socio-educativi di cui all' articolo 19 siano accolti minorenni con disabilità, il PTI definisce gli interventi specifici che devono essere attuati dal servizio residenziale.

2. Il servizio residenziale individuato per l'accoglienza del minorenne con disabilità elabora il PAI comprensivo del calcolo dettagliato dei costi ai fini della determinazione della retta ai sensi dell' articolo 18 .

3. I servizi invianti valutano l'appropriatezza del PAI tenendo conto del numero dei minorenni con disabilità già accolti presso il servizio residenziale e dell'intensità del trattamento previsto dai PTI degli ospiti del servizio residenziale oggetto del nuovo inserimento.

Art. 10

(Inserimento in emergenza)

1. Al fine di garantire gli inserimenti nei servizi residenziali socio-educativi in caso di necessità, urgenza ed emergenza, qualora risultino non immediatamente disponibili i posti nelle comunità di pronta accoglienza di cui all' articolo 23 , possono essere accolti due ulteriori minorenni oltre i limiti massimi del numero di ospiti previsti nei servizi residenziali di cui agli articoli 21, 22, 23, 24 e 26, compatibilmente con la capacità alloggiativa del servizio residenziale e fatto salvo quanto disposto dall' articolo 7 .

2. Il servizio inviante e il servizio residenziale per minorenni, entro trenta giorni dall'avvenuto inserimento di un minorenne per motivi di necessità o urgenza, elaborano, rispettivamente, il PTI e il PAI e li trasmettono alla zona sociale nel cui territorio è ubicato il servizio residenziale nel quale è avvenuto l'inserimento, qualora essa non coincida con il servizio inviante medesimo.

TITOLO III

REQUISITI DEI SERVIZI RESIDENZIALI PER MINORENNI

Art. 11

(Requisiti strutturali)

1. I servizi residenziali per minorenni devono essere in possesso dei requisiti previsti dalle norme vigenti per le civili abitazioni in materia urbanistica, edilizia, prevenzione incendi, igiene e sicurezza.

2. I servizi residenziali per minorenni devono possedere i requisiti strutturali di seguito elencati:

a) essere riservati ai destinatari di cui all' articolo 3 e agli operatori dei servizi residenziali medesimi. L'eventuale utilizzo di spazi in comune con altri servizi residenziali per minorenni e con servizi educativi o socio-assistenziali per minorenni deve essere motivato ed esplicitamente autorizzato;

b) essere ubicati in luoghi abitati, facilmente accessibili, agevolmente raggiungibili dai visitatori ed idonee ad attivare, senza alcuna difficoltà logistica ed organizzativa, rapporti significativi col contesto socio-sanitario di riferimento e iniziative di integrazione scolastica, relazionale, del tempo libero;

c) avere spazi interni, quali camere, sale, servizi igienici, organizzati in modo tale da garantire ai destinatari un livello adeguato di ospitalità, fruibilità, funzionalità e privacy, con particolare riferimento al mantenimento e allo sviluppo dell'autonomia individuale;

d) avere camere da letto per gli ospiti singole o doppie, con arredi decorosi, funzionali e personalizzabili;

e) avere un servizio igienico ogni quattro ospiti e un servizio igienico per gli operatori;

f) avere una stanza per le funzioni amministrative e per gli operatori;

g) avere una zona pranzo e soggiorno, nonché un locale adibito a cucina e dispensa adeguato alle modalità del servizio offerto, anche in caso di preparazione dei pasti presso altra sede ovvero servizio esternalizzato;

h) avere un locale lavanderia, se il servizio non è esternalizzato o realizzato presso altra sede;

i) avere spazi appositamente organizzati per le attività collettive e di socializzazione, educative e ricreative, distinti dagli spazi destinati alle camere da letto;

j) garantire qualità, quantità e sicurezza degli arredi, che devono essere conformi a quanto in uso nelle civili abitazioni, curati ed esteticamente gradevoli;

k) avere attrezzature e utensili funzionali e fruibili;

l) garantire il livello della temperatura in modo che la stessa sia confortevole, in analogia a quello previsto per le sedi delle istituzioni scolastiche;

m) avere almeno un impianto televisivo, un telefono, un computer e un accesso internet, fruibili dai minorenni secondo modalità disciplinate dal regolamento di cui all' articolo 12 .

Art. 12

(Requisiti organizzativi e funzionali)

1. I servizi residenziali per minorenni devono avere:

a) la carta dei servizi sociali di cui all' articolo 13 della legge 8 novembre 2000, n. 328 (Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali), che deve indicare anche le finalità, gli obiettivi, il progetto educativo, la metodologia adottata, il rapporto e l'integrazione con il sistema dei servizi territoriali, con l'associazionismo e con il volontariato, nonché, ai sensi del D.M. 308/2001, la pubblicizzazione delle rette praticate e delle prestazioni ricomprese, secondo i criteri di cui all' articolo 18 ;

b) un regolamento interno, contenente le regole di vita comunitaria, le modalità di fruizione del servizio, gli aspetti organizzativi e gestionali;

c) una polizza assicurativa di copertura rischi, infortuni e responsabilità civile per gli ospiti, i visitatori, i dipendenti e i volontari;

d) un conto economico;

e) un indirizzo di posta elettronica certificata;

f) un registro degli ospiti quotidianamente aggiornato;

g) un archivio delle cartelle personali di ciascun ospite, le quali devono contenere:

1) il PTI e il PAI;

2) tutte le informazioni e la documentazione di parte sociale, educativa, sanitaria e giudiziaria;

3) copia della documentazione trasmessa semestralmente, ai sensi dell' articolo 9 della l. 184/1983 , al procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni competente e contenente l'indicazione specifica della località di residenza dei genitori, dei rapporti con la famiglia e delle condizioni di benessere bio-psico-sociale del minorenne stesso.

2. Il regolamento interno di cui al comma 1, lettera b) disciplina anche:

a) le modalità organizzative delle attività nel rispetto dei normali ritmi di vita degli ospiti;

b) l'inserimento nello stesso servizio residenziale, ove possibile e nelle modalità indicate dal PTI, di fratelli e sorelle, anche in caso di non corrispondenza alle fasce di età previste per l'inserimento nel servizio residenziale;

c) i criteri e le modalità di partecipazione della famiglia del minorenne ai percorsi di costruzione o ricostruzione delle funzioni genitoriali e dei rapporti e delle relazioni familiari;

d) le visite di parenti e conoscenti degli ospiti;

e) la somministrazione di pasti personalizzati in relazione alle eventuali specifiche esigenze nutrizionali e dietetiche degli ospiti o di diversi regimi alimentari;

f) la presenza del coordinatore responsabile e del responsabile delle attività sanitarie, ove previste;

g) la pianta organica, la compresenza del personale in determinate fasce orarie, la presenza di un operatore durante le ore notturne, l'organizzazione dei turni del personale, il rapporto tra personale e ospiti definito in relazione alla tipologia di servizio residenziale, modalità e criteri di formazione del personale;

h) le modalità informative verso la zona sociale, la Azienda USL e la Regione;

i) i criteri e le modalità di eventuale inserimento di minori stranieri non accompagnati;

j) le modalità e la tracciabilità dell'approvvigionamento, conservazione, tenuta, somministrazione e smaltimento dei farmaci;

k) le modalità e la tracciabilità dell'approvvigionamento, conservazione, tenuta, somministrazione degli alimenti e le modalità di raccolta dei rifiuti.

3. I servizi residenziali per minorenni devono assicurare l'iscrizione e la frequenza dei minorenni stessi presso gli istituti di istruzione, pubblici e paritari, o nelle strutture accreditate dalla Regione per la formazione professionale.

4. Nello stesso immobile o complesso immobiliare può essere presente un solo servizio residenziale per minorenni e non possono essere presenti strutture per adulti. La coesistenza di due servizi residenziali o di due moduli di medesima o differente tipologia nello stesso immobile o complesso immobiliare deve essere esplicitamente autorizzata con le modalità indicate nel presente regolamento e, comunque, i due servizi residenziali coesistenti devono essere articolati in unità autonome, ciascuna in possesso dei requisiti indicati nel presente regolamento. In ogni caso le finalità, gli obiettivi e i riferimenti educativi di base, indicati nella carta dei servizi sociali di cui al comma 1 , devono essere tra loro compatibili, con particolare riferimento alla tipologia di destinatari ospitati.

5. Il servizio residenziale per minorenni invia alla zona sociale ove insiste il servizio residenziale medesimo copia della documentazione trasmessa semestralmente, ai sensi dell' articolo 9 della l. 184/1983 , al procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni competente.

Art. 13

(Progetto educativo)

1. Il progetto educativo, riportato nella carta dei servizi di cui all' articolo 12, comma 1, lettera a) , individua l'approccio dialogico relazionale quale metodologia idonea a una gestione del PTI mirante allo sviluppo della persona minorenne e alla costruzione o ricostruzione dei rapporti e delle relazioni con la famiglia del minorenne.

2. Il progetto educativo è elaborato con rigore metodologico e pedagogico, attiva un processo formativo dinamico centrato sulle specificità e sulle risorse di ciascuna persona minorenne ed è orientato alla partecipazione, alla negoziazione e alla gestione positiva dei conflitti, escludendo l'utilizzo di metodi educativi di stampo istituzionalizzante, autoritario, coercitivo, anche dal punto di vista psicologico.

3. Il progetto educativo mira a favorire la creazione di una comunità educante:

a) inclusiva e orientata all'integrazione;

b) che non ammette modelli di leadership autoritaria o carismatica;

c) che si pone in rapporto dialogico con l'alterità nel rispetto della dinamicità della relazione;

d) che persegue la decostruzione di assetti di pensiero e modi di vivere intolleranti e autoritari, il superamento del pensiero gerarchico, del conformismo e della chiusura culturale;

e) che si propone quale laboratorio di ricerca e di valorizzazione delle diversità;

f) che mira a parificare i discriminati e a coinvolgere gli emarginati, senza rinchiuderli nell'uniformità culturale;

g) che rispetta gli orientamenti religiosi, culturali e di genere;

h) che non discrimina e che riconosce l'uguaglianza dei diritti;

i) aperta alla partecipazione e alla vita sociale.

Art. 14

(Requisiti riguardanti il personale)

1. La dotazione organica dei servizi residenziali per minorenni deve garantire il pieno rispetto della carta dei servizi sociali e del regolamento, nonché consentire l'attuazione dei PTI mediante i PAI. Il personale lavora secondo il metodo dell'équipe multiprofessionale e allo stesso si applicano i contratti collettivi nazionali di lavoro vigenti.

[ 2. ] [3]

2. Il personale addetto alle funzioni socio-educative presso i servizi residenziali socio-educativi per minorenni di cui all' articolo 19 , deve rientrare in uno dei seguenti profili professionali:

a) educatore professionale socio-pedagogico o pedagogista, di cui all' articolo 1 , commi 594 e 595 della legge 27 dicembre 2017, n. 205 (Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2018 e bilancio pluriennale per il triennio 2018-2020);

b) educatore professionale socio-sanitario, di cui all' articolo 1, comma 596 della l. 205/2017 .

[4]

3. Per le funzioni di supervisione e formazione del personale di cui al comma 2 i servizi socio-educativi per minorenni possono avvalersi di psicologi psicoterapeuti.

4. Il personale addetto alle funzioni socio-educative e socio-sanitarie presso i servizi residenziali sociosanitari per minorenni di cui all' articolo 20 , deve ricomprendere i profili professionali di seguito elencati:

a) medico chirurgo, specializzato in neuropsichiatria infantile o in psichiatria e iscritto nel relativo albo professionale;

b) psicologo psicoterapeuta, iscritto nel relativo albo professionale;

c) infermiere o infermiere pediatrico, iscritto nel relativo albo professionale;

[ d) ] [5]

d) educatore professionale socio-sanitario, di cui all' articolo 1, comma 596 della l. 205/2017 ; [6]

e) operatore socio-sanitario, di cui agli articoli 51 e 58 della l.r. 11/2015 .

[ 5. ] [7]

5. I servizi residenziali per minorenni, di cui agli articoli 19 e 20, possono avvalersi, a supporto delle funzioni socioeducative svolte dal personale di cui ai commi 2 e 4, dei profili professionali di seguito elencati:

a) assistente sociale;

b) animatore sociale;

c) educatore animatore;

d) animatore-educatore in strutture e servizi sociali a ciclo residenziale e semi-residenziale per soggetti in età minore;

e) animatore-educatore sociale in strutture e servizi a ciclo residenziale e semi-residenziale nell'area della disabilità e della salute mentale;

f) tecnico in accoglienza per rifugiati richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale;

g) interprete di Lingua dei Segni Italiana;

h) mediatore interculturale.

[8]

5 bis. Gli operatori di cui al comma 5, lettera d) devono essere in possesso del diploma di scuola media superiore e dell'attestato di qualifica di animatore-educatore rilasciato da agenzie formative accreditate a seguito della partecipazione a specifico corso di formazione riconosciuto dalla Regione. [9]

6. I servizi residenziali sociosanitari per minorenni di cui all' articolo 20 possono avvalersi, a supporto delle funzioni socio-sanitarie svolte dal personale di cui al comma 4 , dei profili professionali di seguito elencati:

a) tecnico della riabilitazione psichiatrica, di cui al decreto del Ministero della sanità 29 marzo 2001, n. 182 (Regolamento concernente la individuazione della figura del tecnico della riabilitazione psichiatrica);

b) terapista della neuro e psicomotricità dell'età evolutiva, di cui al decreto del Ministero della sanità 17 gennaio 1997, n. 56 (Regolamento concernente la individuazione della figura e relativo profilo professionale del terapista della neuro e psicomotricità dell'età evolutiva).

7. Il personale addetto alle funzioni socio-educative nei servizi residenziali socio-educativi per minorenni deve ricomprendere almeno un educatore  professionale o pedagogista[10]  ogni quattro minorenni effettivamente presenti. Nella fascia oraria notturna, dalle ore 21.00 alle ore 7.00 del giorno successivo, deve essere presente almeno un operatore. Nella comunità bambini con genitore, di cui all' articolo 24 , ciascun PTI indica se è necessaria la presenza notturna dell'operatore.

8. Il personale addetto alle funzioni socio-educative nei servizi socio-educativi a ciclo semi-residenziale, di cui all' articolo 27 , deve ricomprendere almeno un educatore  professionale o pedagogista[11]  ogni cinque minorenni effettivamente presenti.

9. Il personale addetto alle funzioni socio-educative nei servizi residenziali sociosanitari per minorenni deve ricomprendere almeno un educatore  professionale socio-sanitario[12]  ogni tre minorenni presenti. Nella fascia oraria notturna, dalle ore 21.00 alle ore 7.00 del giorno successivo, deve essere presente il personale necessario a soddisfare le esigenze personali degli ospiti stabilite dai PTI e dai PAI.

10. Il PTI stabilisce se la dotazione organica del servizio socio-educativo residenziale deve ricomprendere un educatore  professionale o pedagogista'[13]  aggiuntivo in caso di inserimento di minorenni con disabilità.

11. I servizi residenziali per minorenni devono garantire programmi annuali di formazione e aggiornamento del personale con indicazione di tempi e budget.

12. Presso i servizi residenziali per minorenni possono essere utilizzati volontari, tirocinanti e volontari del servizio civile nazionale e regionale, purché in compresenza con il personale delle strutture. I volontari e i tirocinanti sono aggiuntivi, non sostitutivi, rispetto al personale professionale dei servizi residenziali per minorenni.

13. I servizi residenziali per minorenni, di cui agli articoli 19 e 20, possono avvalersi di professionalità tecniche e ausiliarie per i servizi dell'abitazione, quali pulizia e preparazione dei pasti, nonché per i trasporti.

14. I servizi residenziali per minorenni, di cui agli articoli 19 e 20, non possono avvalersi di personale, incluso il coordinatore responsabile di cui all' articolo 15 , che si trova in una delle condizioni di cui all' articolo 7, comma 1, del decreto legislativo 31 dicembre 2012, n. 235 (Testo unico delle disposizioni in materia di incandidabilità e di divieto di ricoprire cariche elettive e di Governo conseguenti a sentenze definitive di condanna per delitti non colposi, a norma dell' articolo 1, comma 63, della legge 6 novembre 2012, n. 190 ).

15. Il personale dei servizi residenziali per minorenni di cui agli articoli 19 e 20, incluso il coordinatore responsabile di cui all' articolo 15 , che si trova in una delle condizioni di cui all' articolo 8 , commi 1 e 2, del d.lgs. 235/2012 , è sospeso dalle proprie funzioni. La sospensione cessa nei casi in cui nei confronti dell'interessato viene meno l'efficacia della misura coercitiva di cui all' articolo 8, comma 1, del d.lgs. 235/2012 , ovvero viene emessa sentenza, anche se non passata in giudicato, di non luogo a procedere, di proscioglimento o di assoluzione o provvedimento di revoca della misura di prevenzione o sentenza di annullamento ancorché con rinvio. Nei casi in cui la sentenza di condanna passa in giudicato o diviene definitivo il provvedimento che applica la misura di prevenzione l'interessato non può più svolgere alcuna funzione presso i servizi residenziali per minorenni di cui al presente regolamento.

Art. 15

(Il coordinatore responsabile)

1. Il coordinatore responsabile del servizio residenziale per minorenni deve essere in possesso dei seguenti requisiti:

a) diploma di laurea del vecchio ordinamento universitario o titolo equipollente ovvero laurea specialistica o magistrale (LS/LM) del nuovo ordinamento universitario;

b) aver maturato esperienze lavorative nel settore socio-educativo minorile per almeno due anni, oppure essere in possesso di una qualifica specifica nell'area della tutela dei minori conseguita con un corso di formazione corrispondente almeno al livello 7 del quadro europeo delle qualifiche (European Qualifications Framework), di cui alla Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 22 maggio 2017 (2017/C 189/03);

c) non aver riportato condanne penali passate in giudicato che impediscano, ai sensi delle vigenti disposizioni, di poter costituire rapporti contrattuali con una pubblica amministrazione;

d) non essere già stato responsabile, o aver svolto analoga funzione, presso un servizio residenziale per minorenni la cui autorizzazione sia stata revocata.

2. Il coordinatore responsabile svolge compiti di direzione del personale, di promozione e valutazione della qualità dei servizi, di monitoraggio e di documentazione delle attività e delle esperienze di sperimentazione, di promozione di metodologie di lavoro innovative, di raccordo con la rete dei servizi sociali, sanitari ed educativi territoriali, di collaborazione con le famiglie e con le risorse delle comunità locali. È responsabile delle modalità di approvvigionamento, conservazione, tenuta, somministrazione degli alimenti, nonché dello smaltimento dei rifiuti, di cui all' articolo 12, comma 2, lettera k) . Nei servizi residenziali socio-educativi per minorenni di cui all' articolo 19 , è responsabile delle modalità di approvvigionamento, conservazione, tenuta, somministrazione, smaltimento e tracciabilità dei farmaci prescritti dai medici ai minorenni, di cui all' articolo 12, comma 2, lettera j) .

3. Il coordinatore responsabile non può assumere la responsabilità di più di tre servizi residenziali per minorenni.

4. Il coordinatore responsabile, in possesso dei requisiti di cui all' articolo 14 , può svolgere la funzione di educatore.

5. Un giudice onorario, o altra pubblica autorità, che esercita funzioni relative a minorenni collocati fuori dalla famiglia, non può svolgere il compito di coordinatore responsabile.

Art. 16

(Il responsabile delle attività sanitarie)

1. Presso i servizi residenziali sociosanitari per minorenni di cui all' articolo 20 , il responsabile delle attività sanitarie deve essere un neuropsichiatra infantile o uno psichiatra psicoterapeuta e può svolgere anche i compiti del coordinatore responsabile di cui all' articolo 15 .

2. Il responsabile delle attività sanitarie non può assumere tale responsabilità in più di due servizi residenziali sociosanitari per minorenni.

3. Il responsabile delle attività sanitarie è responsabile delle modalità di approvvigionamento, conservazione, tenuta, somministrazione, smaltimento e tracciabilità dei farmaci prescritti dai medici ai minorenni.

Art. 17

(Assistenza sanitaria presso i servizi residenziali socio-educativi per minorenni)

1. Tra i profili professionali del personale operante presso i servizi residenziali socio-educativi per minorenni di cui all' articolo 19 , non possono essere ricompresi quelli dell'area sanitaria, con eccezione dello psicologo psicoterapeuta che svolge funzioni di supervisione e formazione degli educatori e degli operatori del servizio residenziale.

2. Il servizio sanitario regionale di cui alla l.r. 11/2015 garantisce l'assistenza sanitaria agli ospiti e le cure primarie e specialistiche.

Art. 18

(Determinazione delle rette e fonti di finanziamento)

1. Ai fini della determinazione della retta di cui all' articolo 12, comma 1, lettera a) , i servizi residenziali per minorenni tengono conto dei costi:

a) per il personale, comprensivi di formazione, coordinamento e supervisione;

b) per le assicurazioni e la sicurezza;

c) relativi all'uso e alla manutenzione dei locali, ivi comprese le utenze;

d) per il vitto nel caso di servizi residenziali e a ciclo semi-residenziale ove previsto;

e) per la pulizia;

f) per il vestiario degli ospiti, con esclusione dei servizi di cui agli articoli 27 e 28;

g) per la vita di relazione degli ospiti;

h) per i trasporti;

i) per la realizzazione delle attività previste;

j) per l'amministrazione e i costi generali.

2. La retta è riconosciuta al cento per cento per i giorni di permanenza effettiva dell'ospite nei servizi residenziali per minorenni; a tal fine non sono considerate assenze i periodi di rientro del minorenne in famiglia o i periodi di ricovero in strutture ospedaliere, non superiori ai quindici giorni continuativi o, in caso di servizi semi-residenziali, periodi di assenza non superiori ai 45 giorni, a condizione che i servizi risultino funzionanti. Il presente comma non si applica ai servizi residenziali per minorenni di cui agli articoli 27 e 28.

3. La retta, nel caso di inserimento di minorenni con disabilità, è determinata, in relazione alle esigenze espressamente indicate nel PTI e nel rispetto del principio di appropriatezza, mediante una intesa tra il servizio inviante e il servizio residenziale che accoglie il minorenne e può essere superiore ai limiti individuati con atto della Giunta regionale di cui al comma 5 .

4. Per i minorenni provenienti dall'area penale gli oneri, nei casi previsti dalle normative statali vigenti, sono a carico del Ministero della Giustizia. Per i minorenni stranieri non accompagnati gli oneri, nei casi previsti dalle normative statali vigenti, sono a carico del Ministero competente a gestire le situazioni di ordinaria accoglienza o di emergenza. Nel caso di inserimenti nelle strutture sociosanitarie di cui all' articolo 20 , gli oneri sono a carico del Servizio sanitario regionale, ai sensi dell' articolo 32 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 12 gennaio 2017 (Definizione e aggiornamento dei livelli essenziali di assistenza, di cui all' articolo 1, comma 7, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 ).

5. La Giunta regionale individua, con proprio atto, i criteri per la determinazione della retta ed i limiti, minimo e massimo, della stessa, nonché i criteri e le modalità di compartecipazione alla spesa da parte della famiglia del minorenne.

TITOLO IV

INDIVIDUAZIONE DEI SERVIZI RESIDENZIALI PER MINORENNI

Art. 19

(Servizi residenziali socio-educativi per minorenni)

1. I servizi residenziali per minorenni di cui all' articolo 1, comma 1 , comprendono:

a) comunità familiari o case famiglia, di cui all' articolo 21 ;

b) comunità educative, di cui all' articolo 22 ;

c) comunità di pronta accoglienza, di cui all' articolo 23 ;

d) comunità bambini con genitore, di cui all' articolo 24 ;

e) gruppi appartamento, di cui all' articolo 25 ;

f) case famiglia a utenza mista e complementare, di cui all' articolo 26 ;

g) servizi a ciclo semi-residenziale, di cui all' articolo 27 ;

h) servizi Progetto Ponte, di cui all' articolo 28 ;

i) progetti sperimentali, di cui all' articolo 29 .

Art. 20

(Servizi residenziali sociosanitari per minorenni)

1. I servizi residenziali per minorenni, di cui all' articolo 1, comma 2 , comprendono:

a) servizi residenziali sociosanitari per minorenni a bassa intensità terapeutico-riabilitativa, di cui all' articolo 31 ;

b) servizi residenziali sociosanitari per minorenni a media intensità terapeutico-riabilitativa, di cui all' articolo 32 .

TITOLO V

SERVIZI RESIDENZIALI SOCIO-EDUCATIVI PER MINORENNI

Art. 21

(Comunità familiari o case famiglia)

1. La comunità familiare o casa famiglia è un servizio residenziale socio-educativo con il compito di sostituire temporaneamente il nucleo familiare, che si caratterizza per la presenza di una famiglia con figli o di una coppia di adulti, con gli stessi requisiti delle famiglie affidatarie, che assumono funzioni genitoriali, residenti stabilmente nel servizio residenziale, di cui almeno uno occupato principalmente nel lavoro di accoglienza e cura dei minorenni e si qualifica per la centralità relazionale affettiva.

2. La comunità familiare o casa famiglia può essere organizzata secondo due moduli differenti, alternativi e incompatibili tra loro:

a) modulo 1: per accogliere minori da 0 a 17 anni, nel numero massimo di sei minorenni, esclusi gli eventuali figli della famiglia, compatibilmente con la capacità alloggiativa del servizio residenziale;

b) modulo 2: per accogliere minori da 14 a 17 anni, nel numero massimo di sei minorenni, esclusi gli eventuali figli della famiglia, compatibilmente con la capacità alloggiativa del servizio residenziale, per accogliere prioritariamente minorenni che necessitano di un inserimento in casa famiglia dopo i quattordici anni.

3. Nella comunità familiare o casa famiglia non possono essere accolti minori provenienti dall'area penale.

4. Il nucleo familiare o la coppia di adulti di cui al comma 1 può chiedere, tramite il soggetto gestore del servizio residenziale, l'autorizzazione per un solo modulo e per un solo servizio.

5. Almeno uno degli adulti di cui al comma 1 deve avere competenze certificate da percorsi formativi relativi alla genitorialità e all'accoglienza.

6. Gli adulti di cui al comma 1 , se ne hanno i requisiti, possono svolgere le funzioni di educatore di cui all' articolo 14, comma 2 e le funzioni di coordinatore responsabile di cui all' articolo 15 .

7. Il periodo di permanenza del minore di sei anni non può superare la durata di sei mesi ed è prorogabile su proposta dell'équipe multidisciplinare.

Art. 22

(Comunità educative)

1. La comunità educativa è un servizio residenziale socio-educativo con il compito di accogliere temporaneamente il minorenne. È caratterizzata da un ambiente il più possibile comunitario a carattere familiare, con relazioni intense e significative a livello affettivo, educativo, cognitivo e di promozione delle abilità sociali.

2. La comunità educativa può essere organizzata secondo due moduli differenti, alternativi e incompatibili tra loro:

a) modulo 1: per accogliere minori dai 6 ai 10 anni, nel numero massimo di dieci minorenni, compatibilmente con la capacità alloggiativa del servizio residenziale;

b) modulo 2: per accogliere minori dai 11 ai 17 anni, nel numero massimo di dieci minorenni, compatibilmente con la capacità alloggiativa del servizio residenziale.

3. Nel modulo 2 di cui al comma 2 possono essere accolti fino a tre minorenni provenienti dall'area penale.

Art. 23

(Comunità di pronta accoglienza)

1. La comunità di pronta accoglienza è un servizio residenziale socio-educativo con il compito di accogliere minorenni che si trovano in una situazione di emergenza e con un bisogno immediato di ospitalità, garantendo accoglienza, tutela e protezione, in attesa della elaborazione del PTI e di un inserimento stabile in altro servizio residenziale, del rientro in famiglia o di altra soluzione più adeguata. L'elaborazione del PTI deve avvenire, comunque, entro trenta giorni dall'avvenuto inserimento del minorenne.

2. La comunità di pronta accoglienza può accogliere minori dagli 11 ai 17 anni, nel numero massimo di dodici minorenni, compatibilmente con la capacità alloggiativa del servizio residenziale.

3. La presenza del minorenne nella comunità di pronta accoglienza non può superare i tre mesi.

4. Nella comunità di pronta accoglienza possono essere accolti sino a quattro minorenni provenienti dall'area penale.

Art. 24

(Comunità bambini con genitore)

1. La comunità bambini con genitore è un servizio residenziale socio-educativo con il compito di accogliere nuclei familiari composti da minorenni e da un genitore, madre o padre, da adolescenti in gravidanza o con neonati, oppure da donne in stato di gravidanza, in situazioni di difficoltà personale o familiare, anche di tipo economico, lavorativo o abitativo che necessitano di una presa in carico complessiva, nonché un supporto alle capacità genitoriali e un sostegno socio-educativo e affettivo per un corretto svolgimento delle funzioni di cura, accudimento e tutela dei minorenni.

2. La comunità bambini con genitore può accogliere fino a un massimo di sei nuclei familiari, compatibilmente con la capacità alloggiativa del servizio residenziale. Ciascun nucleo familiare, al fine di garantirne l'unità e l'autonomia, usufruisce di una camera da letto riservata.

3. Nel caso di inserimento presso una comunità bambini con genitore, il PTI è predisposto con particolare riferimento al nucleo familiare e individua obiettivi e percorsi integrati per il minorenne e per il genitore.

4. Nella comunità bambini con genitore possono essere accolte adolescenti provenienti dall'area penale in gravidanza o con neonati.

Art. 25

(Gruppi appartamento)

1. Il gruppo appartamento è un servizio residenziale socio-educativo con il compito di accogliere minorenni vicini alla maggiore età con una significativa capacità di autogestione, anche acquisita a seguito di un precedente percorso in strutture a forte valenza educativa, che necessitano di un ulteriore sostegno, di minore intensità, finalizzato ad agevolare l'acquisizione della completa autonomia, anche quale fase conclusiva di un percorso di inserimento presso le strutture socio-educative.

2. Il gruppo appartamento può accogliere minori dai 16 ai 17 anni, nel numero massimo di cinque minorenni, compatibilmente con la capacità alloggiativa del servizio.

3. Nei gruppi appartamento non possono essere accolti minorenni provenienti dall'area penale.

4. La presenza continuativa del personale deve comunque essere garantita nelle ore notturne.

Art. 26

(Casa famiglia a utenza mista e complementare)

1. La casa famiglia a utenza mista e complementare è un servizio residenziale socio-educativo con il compito di sostituire temporaneamente il nucleo familiare, che si caratterizza per la presenza di una famiglia con figli o di una coppia di adulti, con gli stessi requisiti delle famiglie affidatarie, che assumono funzioni genitoriali, residenti stabilmente nel servizio residenziale, di cui almeno uno occupato principalmente nel lavoro di accoglienza e cura dei minorenni, nonché per la presenza di altre persone adulte con problemi sociali e in difficoltà, con l'esclusione di coloro che si trovano in condizione di dipendenza attiva o che presentano patologie e problemi gravi. L'équipe multidisciplinare che elabora il PTI verifica la compatibilità dell'inserimento del minorenne in relazione alla situazione degli adulti presenti.

2. La casa famiglia a utenza mista e complementare può essere organizzata secondo due moduli differenti, alternativi e incompatibili tra loro:

a) modulo 1: per accogliere sino a sei ospiti complessivi di cui sino a quattro minori dai 6 ai 17 anni, esclusi gli eventuali figli della famiglia, compatibilmente con la capacità alloggiativa del servizio residenziale;

b) modulo 2: per accogliere sino a otto ospiti complessivi, di cui sino a sei minori dai 14 ai 17 anni, esclusi gli eventuali figli della famiglia, compatibilmente con la capacità alloggiativa del servizio residenziale, per accogliere prioritariamente i minorenni che necessitano di un inserimento in casa famiglia dopo i 14 anni.

3. Nella casa famiglia a utenza mista e complementare non possono essere accolti minorenni provenienti dall'area penale.

4. Il nucleo familiare o la coppia di adulti di cui al comma 1 può chiedere, tramite il soggetto gestore del servizio, l'autorizzazione per un solo modulo e per un solo servizio residenziale.

5. Gli adulti di cui al comma 1 , se ne hanno i requisiti, possono svolgere le funzioni di educatore di cui all' articolo 14, comma 2 e le funzioni di coordinatore responsabile di cui all' articolo 15 .

6. Almeno uno degli adulti di cui al comma 1 deve avere competenze certificate da percorsi formativi relativi alla genitorialità e all'accoglienza.

Art. 27

(Servizio a ciclo semi-residenziale)

1. Il servizio a ciclo semi-residenziale si caratterizza come una comunità diurna ad alta valenza socio-educativa che mira a supportare il minorenne nella crescita evolutiva e nell'integrazione sociale, nonché la famiglia in difficoltà nello svolgimento della propria funzione educativa e genitoriale, anche al fine di prevenire e scongiurare l'allontanamento del minorenne dallo stesso nucleo familiare, il quale, se sostenuto e accompagnato, è ancora in grado di mantenere una relazione positiva con i figli. In essa si organizzano attività di supporto alle relazioni intra familiari, educative, di animazione del tempo libero, di accompagnamento scolastico e sportive.

2. Il servizio a ciclo semi-residenziale può accogliere minori dai 6 ai 17 anni, nel numero massimo di quindici minorenni, di cui massimo tre provenienti dall'area penale.

3. Per le strutture a ciclo semi-residenziale non si applica quanto disposto dall' articolo 11, comma 2 , lettere d), e), f), h) e, qualora il servizio non fornisca i pasti, g) nonché quanto disposto dall' articolo 12, comma 2, lettera d) e, qualora il servizio non fornisca pasti, e). In tali strutture deve essere presente un servizio igienico, attrezzato per la non autosufficienza, ogni dieci ospiti e un servizio igienico per gli operatori.

Art. 28

(Servizio progetto ponte)

1. Il servizio progetto ponte è un servizio socio-educativo che mira a rendere più flessibili, adeguati, efficaci ed efficienti i percorsi di autonomia o di rientro in famiglia del minorenne, in cui è centrale l'azione socio-educativa del tutoraggio e dell'accompagnamento. Adotta un modello di integrazione con i servizi territoriali mirante alla valorizzazione delle reti sociali della persona.

2. Il servizio progetto ponte può essere organizzato secondo due moduli differenti:

a) modulo 1: per accompagnare il reinserimento in famiglia dei minorenni o dei maggiorenni che hanno concluso un percorso in un servizio residenziale per minorenni oppure per prevenire l'allontanamento di un minorenne dal nucleo familiare. L'intervento non è residenziale, mira a riattivare, ove possibile, le risorse genitoriali e può integrarsi con un servizio a ciclo semi-residenziale. b) modulo 2: per promuovere l'autonomia dei maggiorenni, tra i 18 e i 25 anni, che hanno concluso un percorso in un servizio residenziale per minorenni. L'intervento può essere residenziale o favorire l'indipendenza abitativa.

3. Per il servizio progetto ponte non si applica quanto disposto dagli articoli 11, 12 comma 2 e dall' articolo 14, comma 7 . In caso di intervento a carattere residenziale, di cui al modulo 2, deve essere individuato un alloggio di civile abitazione.

4. Ai fini del contenimento della spesa per le strutture residenziali, la Regione può vincolare al sostegno del servizio progetto ponte una quota dei fondi per la tutela dei minori destinati al riparto tra le zone sociali.

Art. 29

(Progetti sperimentali)

1. La Regione può consentire, ai sensi dell' articolo 11, comma 4, della l. 328/2000 , progetti sperimentali di servizi residenziali socio-educativi innovativi. La domanda di autorizzazione per il servizio residenziale socio-educativo sperimentale è presentata alla zona sociale territorialmente competente dal legale rappresentante del soggetto gestore proponente e reca, inoltre, in allegato il progetto sperimentale che il soggetto gestore intende realizzare. La zona sociale tramite il comune capofila rilascia l'autorizzazione al funzionamento del servizio residenziale socio-educativo sperimentale, nelle modalità di cui al presente regolamento, previo atto della Giunta regionale di nulla osta alla sperimentazione. La durata massima dell'autorizzazione sperimentale è di tre anni, al termine dei quali la zona sociale, tenuto conto della relazione finale redatta dal soggetto gestore del servizio residenziale sperimentale, comunica alla Regione una valutazione sugli esiti della sperimentazione.

2. La Regione può promuovere la sperimentazione di progetti e servizi residenziali innovativi. La Giunta regionale, con proprio atto, definisce tempi, modalità e obiettivi della sperimentazione.

TITOLO VI

SERVIZI RESIDENZIALI SOCIOSANITARI PER MINORENNI

Art. 30

(Disposizioni generali)

1. I servizi residenziali sociosanitari per minorenni di cui all' articolo 20 sono rivolti a minorenni collocati fuori dalla famiglia, ai sensi dell' articolo 3 , con disturbi in ambito neuropsichiatrico che necessitano di trattamenti residenziali e semi-residenziali a bassa o a media intensità terapeutico-riabilitativa.

2. I servizi residenziali sociosanitari per minorenni di cui all' articolo 20 non sono rivolti a minorenni con disabilità complessa o con minorazioni plurisensoriali o con disturbi neurocognitivi o del neurosviluppo, per i quali sono garantiti trattamenti terapeutico-riabilitativi erogabili ai sensi della normativa regionale vigente.

3. I servizi residenziali sociosanitari per minorenni di cui all' articolo 20 sono caratterizzati da un intervento psicoeducativo nei confronti del minorenne, effettuato in un ambiente il più possibile comunitario a carattere familiare, con relazioni intense e significative a livello affettivo, educativo, cognitivo e di promozione delle abilità sociali.

4. I trattamenti terapeutico-riabilitativi attuati presso i servizi residenziali sociosanitari per minorenni, di cui all' articolo 20 , includono le prestazioni garantite mediante l'impiego di metodi e strumenti basati sulle più avanzate evidenze scientifiche, necessarie e appropriate nei seguenti ambiti di attività:

a) accoglienza;

b) attuazione e verifica del PTI e del PAI, in collaborazione con il servizio di neuropsichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza di riferimento e con la famiglia;

c) visite neuropsichiatriche;

d) prescrizione, somministrazione e monitoraggio di terapie farmacologiche e fornitura dei dispositivi medici di cui agli articoli 11 e 17 del d.p.c.m. 12 gennaio 2017 ;

e) colloqui psicologico-clinici;

f) psicoterapia individuale, familiare, di gruppo;

g) interventi psicoeducativi individuali e di gruppo;

h) abilitazione e riabilitazione estensiva o intensiva individuale e di gruppo;

i) interventi per la partecipazione e la vita sociale del territorio;

j) attività di orientamento e formazione rivolta alla famiglia nella gestione del PTI e del PAI;

k) collaborazione con le istituzioni scolastiche per l'inserimento e l'integrazione nelle istituzioni scolastiche;

l) collaborazione ed integrazione con i servizi per le dipendenze patologiche, con particolare riferimento ai minori con comorbidità;

m) progettazione coordinata e condivisa con i servizi per la tutela della salute mentale del percorso di continuità assistenziale dei minori in vista del passaggio all'età adulta.

Art. 31

(Servizio residenziale sociosanitario per minorenni a bassa intensità terapeutico-riabilitativa)

1. Il Servizio residenziale sociosanitario per minorenni a bassa intensità terapeutico-riabilitativa accoglie temporaneamente il minorenne con disturbi in ambito neuropsichiatrico che comportano moderata compromissione delle capacità bio-psico-sociali, con quadri clinici relativamente stabili, privi di elementi di particolare complessità.

2. Il Servizio residenziale sociosanitario per minorenni a bassa intensità terapeutico-riabilitativa può essere organizzato secondo due moduli differenti, alternativi e incompatibili tra loro:

a) modulo 1: per accogliere minori dagli 11 ai 17 anni, nel numero massimo di sei minorenni, più uno per situazioni di emergenza, compatibilmente con la capacità alloggiativa del servizio residenziale;

b) modulo 2: per accogliere minori dai 14 ai 17 anni, nel numero massimo di sei minorenni, più uno per situazioni di emergenza, e dei quali massimo tre provenienti dall'area penale, compatibilmente con la capacità alloggiativa del servizio residenziale.

3. L'équipe multidisciplinare del servizio inviante, d'intesa con il servizio residenziale sociosanitario, al massimo ogni due mesi dall'avvenuto inserimento del minorenne, svolge una valutazione, attraverso osservazioni mirate della situazione psichica e comportamentale del minorenne, volta a determinare una rivalutazione del PTI e del PAI e del percorso successivo del minorenne.

4. La durata massima della permanenza nel servizio residenziale di cui al comma 1 non può essere superiore a dodici mesi. Tale durata è prorogabile previa rivalutazione del PTI da parte del servizio inviante in collaborazione con il servizio di neuropsichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza di riferimento e con la famiglia.

5. Il PTI può prevedere una fase di reinserimento del minorenne in famiglia con permanenza semiresidenziale nello stesso servizio residenziale sociosanitario a bassa intensità terapeutico-riabilitativa, per una durata non superiore a sei mesi.

Art. 32

(Servizio residenziale sociosanitario per minorenni a media intensità terapeutico riabilitativa)

1. Il Servizio residenziale sociosanitario per minorenni a media intensità terapeutico-riabilitativa accoglie temporaneamente il minorenne che presenta compromissioni delle capacità bio-psico-sociali di gravità moderata, con un quadro clinico che non presenta elementi rilevanti di instabilità ed è caratterizzato da multiproblematicità e complessità clinica o da problemi relazionali, anche di gravità elevata, in ambito familiare e sociale.

2. Il Servizio residenziale sociosanitario per minorenni a media intensità terapeutico riabilitativa può essere organizzato secondo due moduli differenti, alternativi e incompatibili tra loro:

a) modulo 1: per accogliere minori dagli 11 ai 17 anni, nel numero massimo di sei minorenni, più uno per situazioni di emergenza, compatibilmente con la capacità alloggiativa del servizio residenziale;

b) modulo 2: per accogliere minori dai 14 ai 17 anni, nel numero massimo di sei minorenni, più uno per situazioni di emergenza, e dei quali massimo due provenienti dall'area penale, compatibilmente con la capacità alloggiativa del servizio residenziale.

3. L'équipe multidisciplinare del servizio inviante, d'intesa con il servizio residenziale sociosanitario, al massimo ogni tre mesi dall'avvenuto inserimento del minorenne, svolge una valutazione, attraverso osservazioni mirate della situazione psichica e comportamentale del minorenne, volta a determinare una rivalutazione del PTI e del PAI e del percorso successivo del minorenne.

4. La durata massima della permanenza nel servizio residenziale di cui al comma 1 non può essere superiore a sei mesi. Tale durata è prorogabile previa rivalutazione del PTI da parte del servizio inviante in collaborazione con il servizio di neuropsichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza di riferimento e con la famiglia.

5. Il PTI può prevedere una fase di reinserimento del minorenne in famiglia con permanenza semiresidenziale nello stesso servizio residenziale sociosanitario a media intensità terapeutico-riabilitativa, per una durata non superiore a sei mesi.

TITOLO VII

AUTORIZZAZIONE AL FUNZIONAMENTO, VIGILANZA E CONTROLLO PER I SERVIZI RESIDENZIALI SOCIO-EDUCATIVI PER MINORENNI

Art. 33

(Autorizzazione al funzionamento dei servizi residenziali socio-educativi per minorenni)

1. L'autorizzazione al funzionamento dei servizi residenziali socio-educativi per minorenni di cui all' articolo 19 è rilasciata, sospesa e revocata, ai sensi dell' articolo 344 della l.r. 11/2015 , dalla zona sociale tramite il comune capofila.

Art. 34

(Domanda di autorizzazione al funzionamento dei servizi residenziali socio-educativi per minorenni)

1. La domanda di autorizzazione al funzionamento è indirizzata al comune capofila della zona sociale nel cui territorio è ubicato il servizio residenziale socio-educativo per minorenni, di cui all' articolo 19 , ed è presentata e sottoscritta dal legale rappresentante del soggetto gestore del servizio residenziale.

2. La domanda deve indicare:

a) i dati anagrafici del legale rappresentante del soggetto gestore del servizio residenziale;

b) i dati, la natura giuridica e l'indirizzo del soggetto gestore del servizio residenziale;

c) il tipo di servizio residenziale, tra quelli di cui all' articolo 19 , e il modulo, ove previsto, per il quale viene richiesta l'autorizzazione;

d) la capacità alloggiativa del servizio residenziale, ad esclusione del servizio progetto ponte di cui all' articolo 28 ;

e) l'eventuale coesistenza di un altro servizio residenziale o di un altro modulo, di medesima o differente tipologia, nello stesso stabile o complesso immobiliare del servizio residenziale per il quale viene richiesta l'autorizzazione, secondo le modalità di cui all' articolo 12, comma 4 ;

f) i dati relativi al coordinatore responsabile, nel rispetto dei requisiti di cui all' articolo 15 .

3. Alla domanda sono allegati i seguenti documenti:

a) copia dell'atto costitutivo e dello statuto del soggetto gestore del servizio residenziale registrato o autenticato;

b) dichiarazione sostitutiva, ai sensi del d.p.r. 445/2000 , del legale rappresentante del soggetto gestore, attestante che il legale rappresentante non incorre nei casi di cui all' articolo 15, comma 1 , lettere c) e d);

c) per soggetti aventi forma di impresa, certificato di iscrizione alla camera di commercio rilasciato in data non anteriore a sei mesi nella provincia in cui la ditta ha sede legale e la documentazione antimafia di cui al decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159 (Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 13 agosto 2010, n. 136 );

d) la dichiarazione sostitutiva, ai sensi del d.p.r. 445/2000 , del legale rappresentante del soggetto gestore, attestante il rispetto della normativa vigente in materia urbanistica, edilizia, prevenzione incendi, igiene e sicurezza;

e) la planimetria quotata dei locali del servizio residenziale con l'indicazione della destinazione d'uso dei singoli ambienti, nonché degli eventuali spazi verdi annessi, ad esclusione del servizio progetto ponte di cui all' articolo 28 ;

f) la dotazione organica e le relative qualifiche e funzioni del personale previsto;

g) la carta dei servizi sociali di cui all' articolo 12, comma 1, lettera a) ;

h) il regolamento interno di cui all' articolo 12, comma 1, lettera b) ;

i) un piano finanziario relativo alla gestione del servizio residenziale;

j) ogni altro documento ritenuto utile dal soggetto gestore del servizio residenziale.

Art. 35

(Rilascio dell'autorizzazione al funzionamento dei servizi residenziali socio-educativi per minorenni)

1. La zona sociale tramite il comune capofila, entro novanta giorni dalla data di presentazione della domanda, verifica il possesso dei requisiti previsti dal presente regolamento e, previo parere obbligatorio del gruppo tecnico di cui all' articolo 36 , rilascia o diniega l'autorizzazione al funzionamento del servizio residenziale socio-educativo per minorenni di cui all' articolo 19 .

2. L'autorizzazione contiene:

a) l'esatta denominazione del soggetto gestore, la natura giuridica e l'indirizzo;

b) l'esatta denominazione del servizio residenziale e la sua ubicazione;

c) la tipologia del servizio residenziale tra quelle previste all' articolo 19 e, ove previsto, il modulo organizzativo;

d) la capacità ricettiva massima ad esclusione del servizio progetto ponte di cui all' articolo 28 ;

e) il nominativo del coordinatore responsabile;

f) la data del rilascio e della scadenza dell'autorizzazione;

g) copia della documentazione allegata alla domanda di cui all' articolo 34, comma 3 .

3. L'autorizzazione al funzionamento ha una validità di tre anni, trascorsi i quali è necessario il rilascio di una nuova autorizzazione.

4. In caso di variazione temporanea di uno o più elementi che hanno determinato il rilascio dell'autorizzazione al funzionamento, il legale rappresentante del soggetto gestore, entro cinque giorni dall'intervenuta variazione, è tenuto a darne comunicazione alla zona sociale che ha rilasciato l'autorizzazione al funzionamento.

5. Ogni variazione stabile, che si protrae oltre i sessanta giorni, di uno o più elementi che hanno determinato il rilascio dell'autorizzazione al funzionamento, deve essere preventivamente autorizzata dalla zona sociale tramite il comune capofila.

6. In caso di necessità di trasferimento del servizio residenziale socio-educativo per minorenni in una zona sociale diversa da quella che ha rilasciato l'autorizzazione al funzionamento, il legale rappresentante del soggetto gestore del servizio residenziale richiede una nuova autorizzazione al funzionamento alla zona sociale presso cui intende trasferire la sede.

Art. 36

(Gruppo tecnico di valutazione)

1. La zona sociale, tramite il comune capofila, nomina il gruppo tecnico di valutazione. Il gruppo tecnico di valutazione dura in carica tre anni.

2. Il gruppo tecnico di valutazione è presieduto dal responsabile sociale di zona di cui all' articolo 268 bis, comma 2 della l.r. 11/2015 o suo delegato ed è formato da cinque componenti esperti in ambito sociale, sanitario, educativo, tecnico-strutturale, giuridico e amministrativo. Per ogni componente esperto è previsto un supplente.

3. Ciascun componente esperto può essere nominato nel gruppo tecnico della medesima zona sociale per massimo due volte. Le zone sociali possono stipulare intese tra loro per la gestione associata del gruppo tecnico.

4. Il gruppo tecnico di valutazione svolge i seguenti compiti:

a) esprime il parere tecnico di supporto al rilascio, sospensione e revoca dell'autorizzazione di cui all' articolo 35 ;

b) effettua i controlli al fine di verificare il rispetto dei requisiti e delle disposizioni di cui al presente regolamento e alla normativa vigente.

Art. 37

(Vigilanza e controllo)

1. La zona sociale si avvale del gruppo tecnico di valutazione, di cui all' articolo 36 , per l'esercizio delle funzioni di vigilanza e controllo dei servizi residenziali socio-educativi per minorenni, di cui all' articolo 19 , autorizzati nel territorio di competenza.

2. I controlli sono disposti dalla zona sociale, almeno con cadenza annuale, mediante sopralluoghi e visite periodiche, ordinarie e straordinarie, al fine di acquisire le informazioni e i documenti utili.

Art. 38

(Sospensione, revoca e decadenza dell'autorizzazione dei servizi residenziali socio-educativi per minorenni)

1. La zona sociale, tramite il comune capofila, anche su segnalazione dei comuni, constatate eventuali irregolarità in seguito alle verifiche e ai controlli di cui all' articolo 37 , procede, previa diffida, alla sospensione dell'autorizzazione al funzionamento e ingiunge al legale rappresentante del soggetto gestore di rimuovere le irregolarità rilevate. Il provvedimento di ingiunzione deve indicare le necessarie prescrizioni e il termine di adeguamento, rapportato alle irregolarità riscontrate.

2. La zona sociale, tramite il comune capofila, nel caso di mancato adeguamento alle prescrizioni e ai termini ingiunti, ovvero in caso di irregolarità grave o reiterata, revoca l'autorizzazione al funzionamento. Contestualmente al provvedimento di revoca dell'autorizzazione, i servizi sociali competenti individuano i servizi residenziali socioeducativi per minorenni autorizzati ove collocare gli utenti ivi ospitati, nonché le soluzioni alternative.

3. L'autorizzazione decade nei casi di estinzione giuridica o di rinuncia del soggetto gestore del servizio residenziale autorizzato.

TITOLO VIII

AUTORIZZAZIONE AL FUNZIONAMENTO DEI SERVIZI RESIDENZIALI SOCIOSANITARI PER MINORENNI

Art. 39

(Autorizzazione al funzionamento dei servizi residenziali sociosanitari per minorenni)

1. Le modalità e i termini per la richiesta e il rilascio delle autorizzazioni alla realizzazione e all'esercizio dei servizi residenziali sociosanitari per minorenni, di cui all' articolo 20 , secondo i requisiti stabiliti dal presente regolamento, sono indicate nelle norme regolamentari di cui all' articolo 117 della l.r. 11/2015 .

TITOLO IX

NORME TRANSITORIE E FINALI

Art. 40

(Anagrafe regionale dei servizi residenziali per minorenni e comunicazioni obbligatorie)

1. La Regione istituisce, ai sensi dell' articolo 8, comma 3, lettera g) della l. 328/2000 , entro dodici mesi dall'entrata in vigore del presente regolamento, l'anagrafe regionale dei servizi residenziali per minorenni, costituita da un registro diviso in due sezioni: servizi residenziali socio-educativi e servizi residenziali sociosanitari.

2. È fatto obbligo alle zone sociali di trasmettere alla struttura regionale competente, nonché al procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni competente, entro sette giorni dalla loro adozione:

a) i provvedimenti autorizzativi;

b) i provvedimenti di sospensione, revoca e decadenza dell'autorizzazione;

c) i provvedimenti di diniego dell'autorizzazione;

d) ogni altro provvedimento che determina le condizioni di funzionamento dei servizi.

Art. 41

(Norme finali e transitorie)

1. I servizi residenziali socio-educativi, già autorizzati ai sensi del regolamento regionale 19 dicembre 2005, n. 8 (Disciplina in materia di autorizzazione al funzionamento delle strutture e dei servizi sociali a ciclo residenziale e semiresidenziale per soggetti in età minore), devono adeguarsi alle disposizioni del presente regolamento entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore del presente regolamento stesso.

2. I servizi di cui al comma 1 devono, entro lo stesso termine del medesimo comma 1 , presentare, alla zona sociale tramite il comune capofila, una nuova domanda di autorizzazione ai sensi del presente regolamento. Decorso inutilmente tale termine l'autorizzazione di cui al comma 1 è revocata.

3. I gruppi tecnici costituiti presso le zone sociali ai sensi del r.r. 8/2005 , continuano ad esercitare i propri compiti sino alla nomina del gruppo tecnico di valutazione di cui all' articolo 36 che deve essere costituito entro sei mesi dalla data di entrata in vigore del presente regolamento.

4. Sino alla attivazione della équipe multidisciplinare di cui all' articolo 5 , gli inserimenti, la permanenza e le dimissioni dei minorenni presso i servizi residenziali continuano ad avvenire secondo le modalità di cui agli articoli 4, 7 e 8 del r.r. 8/2005 , ancorché abrogato.

5. Coloro che, alla data di entrata in vigore del presente regolamento, nel corso del quinquennio precedente, hanno maturato, presso un servizio residenziale per minorenni, almeno tre anni di esperienza, anche non continuativi, in qualità   [ ... ] [14]    di responsabile possono svolgere la funzione di coordinatore responsabile di cui all' articolo 15 [15]  .

5 bis. In via transitoria, ai fini dell'acquisizione della qualifica di educatore professionale socio-pedagogico si applica quanto previsto dall' articolo 1 , commi 597 e 598 della l. 205/2017 . [16]

5 ter. Ai soggetti che, alla data del 1 gennaio 2018, hanno svolto l'attività di educatore per un periodo minimo di dodici mesi, anche non continuativi, si applica quanto previsto dall' articolo 1, comma 599 della l. 205/2017 . Tali soggetti concorrono a soddisfare i rapporti numerici tra educatori professionali e minorenni di cui all' articolo 14 , commi 7, 8 e 10. [17]

5 quater. Coloro che, alla data del 1 gennaio 2018, hanno svolto l?attività di educatore per almeno dieci anni, anche non continuativi, possono esercitare tale attività, ai fini dell? articolo 14 , senza acquisire la qualifica di educatore professionale socio pedagogico di cui all? articolo 1 , commi 594 e 595 della l. 205/2017 e concorrono a soddisfare i rapporti numerici di cui al medesimo articolo 14 , commi 7, 8 e 10. [18]

Art. 42

(Abrogazioni)

1. Il regolamento regionale 19 dicembre 2005, n. 8 (Disciplina in materia di autorizzazione al funzionamento delle strutture e dei servizi sociali a ciclo residenziale per soggetti in età minore), è abrogato.


Il presente regolamento sarà pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare come regolamento della Regione Umbria.

Perugia, 4 dicembre 2017

Marini

Note sulla vigenza

[3] - Sostituzione (testo eliminato) da: Articolo 1 Comma 1 regolamento Regione Umbria 13 dicembre 2018, n. 12.

[4] - Sostituzione (testo inserito) da: Articolo 1 Comma 1 regolamento Regione Umbria 13 dicembre 2018, n. 12.

[5] - Sostituzione (testo eliminato) da: Articolo 1 Comma 2 regolamento Regione Umbria 13 dicembre 2018, n. 12.

[6] - Sostituzione (testo inserito) da: Articolo 1 Comma 2 regolamento Regione Umbria 13 dicembre 2018, n. 12.

[7] - Sostituzione (testo eliminato) da: Articolo 1 Comma 3 regolamento Regione Umbria 13 dicembre 2018, n. 12.

[8] - Sostituzione (testo inserito) da: Articolo 1 Comma 3 regolamento Regione Umbria 13 dicembre 2018, n. 12.

[9] - Integrazione da: Articolo 1 Comma 4 regolamento Regione Umbria 13 dicembre 2018, n. 12.

[10] - Integrazione da: Articolo 1 Comma 5 regolamento Regione Umbria 13 dicembre 2018, n. 12.

[11] - Integrazione da: Articolo 1 Comma 6 regolamento Regione Umbria 13 dicembre 2018, n. 12.

[12] - Integrazione da: Articolo 1 Comma 7 regolamento Regione Umbria 13 dicembre 2018, n. 12.

[13] - Integrazione da: Articolo 1 Comma 8 regolamento Regione Umbria 13 dicembre 2018, n. 12.

[14] - Sostituzione (testo eliminato) da: Articolo 2 Comma 1 regolamento Regione Umbria 13 dicembre 2018, n. 12.

[15] - Sostituzione (testo inserito) da: Articolo 2 Comma 1 regolamento Regione Umbria 13 dicembre 2018, n. 12.

[16] - Integrazione da: Articolo 2 Comma 2 regolamento Regione Umbria 13 dicembre 2018, n. 12.

[17] - Integrazione da: Articolo 2 Comma 2 regolamento Regione Umbria 13 dicembre 2018, n. 12.

[18] - Integrazione da: Articolo 2 Comma 2 regolamento Regione Umbria 13 dicembre 2018, n. 12.